Tag Archives: La Lira Di Orfeo

Il 23 febbraio alla chiesa di S. Agnese “Stabat Mater” (ingresso gratuito fino a 18 anni)

Alle 21 appuntamento nella splendida cornice della chiesa di S. Agnese (Lodi – via Marsala) per il sesto concerto della stagione degli Amici della Musica, dedicato alla musica barocca.
Il controtenore lodigiano Raffaele Pe e il soprano Maria Cristina Kiehr, con l’ensemble La Lira di Orfeo, il Coro d’Arcadia e il violino del direttore Alessandro Ciccolini, eseguiranno musiche di Antonio Vivaldi, Alessandro Scarlatti e, in prima assoluta, lo Stabat mater di Alessandro Ciccolini.

Per sapere tutto sul programma e sugli interpreti scarica il programma di sala completo, mentre per le informazioni relative ai biglietti e alla tessera degli Amici della Musica clicca qui.

Ricordiamo che l’ingresso è gratuito fino a 18 anni compiuti: se sei un insegnante e vuoi invitare i tuoi alunni ad assistere al concerto, contattaci senza impegno per informazioni e per riservare i posti al gruppo di studenti. Se vuoi stampare la locandina ed appenderla in bacheca, clicca sull’immagine per scaricare il pdf e stamparlo.

LA LIRA DI ORFEO

Omaggio a Gualberto Magli

Raffaele Pè, controtenore
Chiara Granata, arpa
Gabriele Palomba, tiorba

gualberto magli

A MANTOVA
Claudio Monteverdi (1567-1643)
Operina da: L’Orfeo
Musica (Prologo) –
Speranza (atto III) –
solo d’arpa da Possente Spirto –
Proserpina (atto IV)
Giovanni De Maque (1550-1614),
Durezze e ligature
Sigismondo D’India (c. 1582-1629)
Ancidetemi pur, dogliosi affanni (Lamento di Giasone)

A FIRENZE
Johannes Kapsberger (1580-1651)
Toccata arpeggiata
Giulio Caccini (c. 1550-1618)
Johann Nauwach (1595-1630)
Amarilli mia bella
Francesca Caccini (1587-1640)
Dispiegate guance amate

A NAPOLI
Giovanni Trabaci (c. 1575-1647)
Toccata Seconda per l’arpa
Girolamo Montesardo (1580-1620)
Hor che la nott’ombrosa
Francesco Lambardi (1587-1642)
O felice quel giorno
Alessandro Ciccolini
Solo et Pensoso (2013)

IN BRANDEBURGO
Johann Nauwach (1595-1630)
Jetzund kömpt die Nacht herbey
Sigismondo D’India
Piangono al pianger mio